buonomo veglia srl   architettura ingegneria

NUOVA SEDE TEA spa

Mantova 2008 - 2009 concorso

L’area d’intervento è inserita in un contesto paesaggistico di grande valore ambientale, costretta tra il rilevato della ferrovia e della strada provinciale e il parco.
L’area è divisa in due lotti, il primo di 26.357 m2 completamente libero e il secondo di 18.069 m2 attualmente destinato a cantiere e deposito dalla stessa società TEA.
La qualità ambientale della zona è amplificata dalla vicinanza del Lago Inferiore, e dalla riserva naturale “Vallazza”.
Linee guida
L’intervento persegue un intento geografico ancor prima che architettonico.
La scelta è stata quella chiara ed univoca di ricucire e completare il contesto naturalistico presente, minimizzando l’impatto visivo e tettonico dei nuovi fabbricati.
Il complesso edilizio è costituito da tre avvallamenti del terreno che generano altrettante colline verdi che accompagnano il percorso pedonale e ciclabile che si addentra nel parco e verso le aree sportive.
La prima collina a nord-est (corpo A) contiene gli uffici, i laboratori e gli spogliatoi e scherma l’area dei parcheggi del personale.
Lungo il fronte sud una vasca d’acqua contribuisce a generare un ambiente piacevole e crea un collegamento concettuale con una delle attività della società e con i laghi del territorio mantovano. La stessa assolve anche a finalità funzionali come riserva per l’impianto antincendio, per l’irrigazione e per il raffrescamento degli ambienti di lavoro.
Il secondo e maggiore avvallamento (corpo B), che contiene magazzini, parcheggi coperti e officine, crea un ambito raccolto occupato dall’area di deposito esterna, che risulta in tal modo mascherata soprattutto per chi arriva dal tunnel pedonale / ciclabile.
La terza collina (corpo C) scherma e ospita il centro di raccolta RSU. Le coperture di questi dossi sono rivestite con un sistema verde piantumato a manutenzione zero, che contribuisce al generale inserimento ambientale.
La geometria delle nuove colline deriva dalla figura semplice del toro, e più precisamente dall’intersezione di tale elemento con la linea del terreno. Questa procedura permette di semplificare la struttura portante pur generando volumi plastici curvati nella doppia direzione.
Le travi alveolari in acciaio sono, infatti, centinate lungo gli assi generatori del toro. In tal modo è possibile creare la geometria voluta con travi con identica curvatura, ma di lunghezza diversa, tutte parallele tra di loro. La maglia dei pilastri, anch’essi in acciaio, è quindi impostata su una trama regolare.
Sostenibilità, progettazione ecocompatibile
Si intende realizzare le nuove strutture per la società TEA perseguendo una progettualità sostenibile che risponda a criteri di ecocompatibilità, con particolare sensibilità al risparmio energetico e alla scelta di materiali ecosostenibili.
Avranno fondamentale rilievo i seguenti interventi:
• controllo e utilizzo dell’energia solare;
• progettazione delle superfici trasparenti mirata sia al controllo solare sia all’utilizzo dell’illuminazione naturale;
• opportuna localizzazione delle aperture e controllo dei movimenti d’aria;
• orientamento e distribuzione degli spazi interni all’edificio;
• utilizzo di opportuni sistemi di recupero del calore;
• utilizzo di opportuni sistemi di recupero delle acque piovane per l’irrigazione delle aree verdi, il lavaggio dei mezzi e per i servizi igienici.

euro 10.000.000

mq 8.400

tea spa

Buonomo Veglia srl, PAT architetti associati - progetto architettonico

Buonomo Veglia srl- progetto strutturale

El srl - progetto impianti elettrici

Studio Renato Lazzareni - impianti meccanici

Buonomo Veglia srl, PAT architetti associati - coordinamento progettuale

Buonomo Veglia srl, PAT architetti associati - coordinamento e sicurezza

Buonomo Veglia srl, PAT architetti associati - progettazione arredi

LOGO 2.png

buonomo veglia srl

Architettura Ingegneria